UA-85227332-5
 
 
Hai già un account? Accesso

L'Cardano scende sotto quota 0,049183, in calo del 2%

Investing.com - L'Cardano scende sotto il livello di $0,049183 in questo Martedì. L'Cardano era scambiata a 0,049183 alle 20:47 (18:47 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 1,91% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 14 Agosto.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato dell'Cardano a $1,27598B, rappresentando il 0,45% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato dell'Cardano aveva raggiunto quota $23,91700B.

L'Cardano era scambiato all'interno di un range compreso tra $0,048634 e $0,050283 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il valore dell'Cardano era vista in calo, evidenziando una perdita del 4,55%. Il volume di scambio dell'Cardano nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $33,18064M, corrispondente al 0,07% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all'interno di un range compreso tra $0,0446 e $0,0537 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, l'Cardano è ancora inferiore del 96,36% dal suo massimo storico di $1,35 toccato il 4 Gennaio 2018.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $10.729,8 sul Investing.com Index, in crescita del 0,10% su base giornaliera.

Ethereum quotato a $196,18 sul Investing.com Index, in perdita del 1,87%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $191,84406B, corrispondente al 68,36% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta Ethereum toccava $21,11930B, corrispondente al 7,52% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi tutto

DIRETTA VIDEO: segui dal vivo il “Conte day” al Senato

Investing.com - E’ arrivato il gran giorno di Giuseppe Conte, il Presidente del Consiglio italiano che parlerà oggi alle ore 15 al Senato.

Conte sarà chiamato a difendere l’operato del suo Governo, dopo che tredici giorni fa uno dei sui due vicepremier, il leghista Matteo Salvini, gli aveva comunicato la sua intenzione di far terminare questa esperienza, a seguito dopo del voto sulla TAV che aveva visto i due partiti di maggioranza votare in modo diverso tra loro.

"La Lega dovrà rispondere delle proprie colpe per aver deciso di far crollare tutto” scriveva oggi l’altro vicepremier, Luigi Di Maio, “aprendo una crisi di governo in pieno agosto, in spiaggia, solo per rincorrere i sondaggi".

Diverse le mosse a disposizione del Presidente del Consiglio, il quale potrebbe anticipare la Lega e dimettersi, evitando così di affrontare un voto di sfiducia che dovrebbe vederlo perdente.

Conte, però, potrebbe anche decidere di affrontare il voto dell’aula per rendere evidente la posizione della Lega per poi recarsi al Quirinale.

Non del tutto scartata, infine, la possibilità di un accordo tra i due partiti ‘in zona cesarini’ per evitare la caduta del Governo e probabili nuovi elezioni.

Dopo la eventuale caduta del governo, si apriranno scenari ancora poco prevedibili. Se il voto anticipato potrebbe essere mal visto da diversi parlamentari, ancora più difficile appare una nuova maggioranza che non solo debba avere l’accordo tra il Movimento 5 Stelle e il PD, ma avrebbe bisogno di ulteriore sostegno di altri gruppi parlamentari.

Quello che è certo, infine, la sfiducia al governo lascerà la ‘palla’ in mano al Quirinale, con il Presidente Mattarella che avrà l’obbligo costituzionale di tentare la ricerca di una nuova maggioranza, prospettiva tutt’ora poco percorribile.

Potete seguire in DIRETTA il discorso di Giuseppe Conte previsto per le 15:00 al seguente video corrispondente a questo link: https://youtu.be/RrvX8yxO4k8 (nel caso in cui stiate seguendo su dispositivi mobili).

Leggi tutto

La Corte Suprema tedesca mette fine all’età d’oro degli agenti immobiliari

Di Geoffrey Smith

Investing.com - La Corte Costituzionale tedesca ha appena ucciso la gallina dalle uova d’oro?

Gli investitori di una manciata di agenzie immobiliari lo pensano sicuramente questo martedì, in seguito alla sentenza che conferma la norma del governo federale che limita gli aumenti degli affitti. La sentenza minaccia un business model che ha avuto uno straordinario successo nell’ultimo decennio, con compagnie come la componente del Dax Vonovia (DE:VNAn) e la compagnia a media capitalizzazione Deutsche Wohnen (DE:DWNG) che hanno usato i costi di prestito incredibilmente bassi per imborghesire città come Berlino, ristrutturando vecchi edifici per poi alzare gli affitti a livelli che, sebbene in linea con le altre capitali europee, sono andati ben oltre le capacità di pagamento degli affittuari.

Vonovia crolla dell’1,8% sulla notizia al minimo di sette settimane, mentre Deutsche Wohnen segna un tonfo dell’1,7%. Deutsche Wohnen, la cui attività si concentra a Berlino dove il problema degli affitti è più sentito, ha perso quasi un terzo del suo valore dalla primavera, quando il Senato della città, guidato dai due maggiori partiti di sinistra e dai Verdi, ha proposto piani per inasprire i controlli sugli affitti.

LEG Immobilien e Tag Immobilien, a media capitalizzazione, crollano rispettivamente del 2,4% e dell’1,6%.

La sentenza della Corte Costituzionale si riferisce ad un’iniziativa diversa del governo federale, ma le sue parole creano un precedente nello stabilire una gerarchia di principi e ponendo l’ingegneria sociale al di sopra del diritto dei proprietari immobiliari di chiedere un prezzo dettato dal mercato per le loro proprietà. E questo potrebbe complicare le cose per Deutsche Wohnen e Vonovia per sfidare altri piani drastici attuati dal Senato della città di Berlino.

“Rientra nel pubblico interesse opporsi all’espulsione di gruppi della popolazione economicamente meno forti dai quartieri popolari”, si legge nella sentenza, nel punto in cui viene spiegata la violazione dei diritti sulle proprietà immobiliari, un principio che la costituzione tedesca tende a difendere strenuamente.

Il “freno sugli affitti” del governo federale limita gli aumenti degli affitti al 10% al di sopra del prezzo di riferimento locale derivato dai livelli di affitto prevalenti, ma consente alcune eccezioni nel caso di nuovi edifici o ristrutturazioni. Una commissione del governo federale nel fine settimana ha deciso di estendere la restrizione fino al 2025.

Intanto, negli scambi della mattinata europea di questo martedì, i mercati sono misti con i volumi degli scambi limitati, tra le deboli prospettive economiche e l’incertezza politica che impediscono loro di seguire gli esempi di Wall Street e delle borse asiatiche. L’indice di riferimento Euro Stoxx 600 scende di meno dello 0,1% a 373,56. Il tedesco Dax scende di una percentuale simile, mentre il FTSE 100 sale dello 0,3%.

L’italiano FTSE MIB resta indietro invece, con un calo dello 0,6% nelle aspettative che il Primo Ministro Giuseppe Conte annunci le sue dimissioni nel corso della giornata, innescando lo scioglimento dell’attuale coalizione e delle possibili elezioni entro i prossimi mesi.

Leggi tutto

Ftse Mib peggiora aspettando Conte. Banche crollano con spread in rialzo

Investing.com – L’avvicinarsi della crisi politica italiana sta attirando le vendite sulle borse europee, con il Ftse Mib il peggiore tra i principali indici.

Se le blue chips di Piazza Affari cedono lo 0,80%, l’Ibex 35% scende dello 0,67%, mentre il Dax e il Cac 40 restano incerti. Positivo solo il britannico Ftse 100.

Torna a crescere lo spread che supera quota 215 punti, mentre il rendimento dei btp a 10 anni salgono a 1,472.

Il riscaldarsi del differenziale btp-bund spinge in basso le banche, con il FTSE Italia All Share Banks che perde l’1,42%.

Cali superiori al 3% per Monte dei Paschi di Siena (MI:BMPS), Bper Banca (MI:EMII), Banco Bpm (MI:BAMI) e Ubi Banca (MI:UBI), mentre cedono il 2% Unicredit (MI:CRDI) e Banca Popolare di Sondrio (MI:BPSI).

Flessione del 2% anche per Atlantia (MI:ATL), seguita dal -1% di Telecom Italia (MI:TLIT), Enel (MI:ENEI), Italgas (MI:IG), Saipem (MI:SPMI), Buzzi (MI:BZU), Leonardo (MI:LDOF), Pirelli (MI:PIRC), Ferrari (MI:RACE) e Snam (MI:SRG).

Rallenta il rally della Juventus (MI:JUVE), anche se in crescita superiore al 3% e sempre in testa al Ftse Mib, seguita da Prysmian (MI:PRY).

L’attenzione è concentrata al Senato dopo alle 15 parlerà il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che potrebbe anche dimettersi per non affrontare il voto di sfiducia.

A questo punto, "se si indissero nuove elezioni, potrebbero svolgersi a novembre”, spiegano da Renta 4, “in coincidenza con la fase finale del bilancio, poiché per legge devono essere indette tra i 60 e i 70 giorni dopo lo scioglimento delle Camere".

Questi esperti sottolineano come i sondaggi "prevedono un ampio vantaggio della Lega Nord (oltre il 30% nelle intenzioni di voto) rispetto al Movimento delle Cinque Stelle". Tuttavia, negli ultimi giorni è stata presa in considerazione la possibilità di una nuova alleanza senza la necessità di passare attraverso le elezioni tra il Movimento delle Cinque Stelle e il Partito Democratico, con il sostegno di altri partiti di minoranza.

Leggi tutto

Il Stellar scende sotto quota 0,06905, in calo del 3%

Investing.com - Il Stellar scende sotto il livello di $0,06905 in questo Martedì. Il Stellar era scambiata a 0,06905 alle 12:48 (10:48 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 3,31% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 20 Agosto.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato del Stellar a $1,36030B, rappresentando il 0,49% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato del Stellar aveva raggiunto quota $12,12000B.

Il Stellar era scambiato all'interno di un range compreso tra $0,06879 e $0,07416 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il Stellar era vista in calo, evidenziando una perdita del 7,13%. Il volume di scambio del Stellar nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $59,39295M, corrispondente al 0,12% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all'interno di un range compreso tra $0,0666 e $0,0755 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, il Stellar è ancora inferiore del 92,49% dal suo massimo storico di $0,92 toccato il 3 Gennaio 2018.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $10.668,8 sul Investing.com Index, in calo del 0,18% su base giornaliera.

Ethereum quotato a $196,76 sul Investing.com Index, in perdita del 1,44%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $191,32599B, corrispondente al 68,25% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta Ethereum toccava $21,21396B, corrispondente al 7,57% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi tutto

Prezzo del greggio stabile, supportato da sviluppi nei commerci USA-Cina

Investing.com - Il prezzo del greggio si stabilizza negli scambi asiatici di questo martedì, mentre si allentano le tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti.

I future del greggio USA WTI sono pressoché invariati a 56,15 dollari alle 00:10 ET (04:10 GMT), mentre i future del Brent, il riferimento internazionale, salgono dello 0,1% a 59,77 dollari.

I prezzi del greggio vengono supportati da alcuni sviluppi positivi sul fronte dei commerci USA-Cina questa mattina. Il Segretario al Commercio USA Wilbur Ross ha confermato nella notte che Washington estenderà per altri 90 giorni il permesso che consente alla cinese Huawei Technologies Co. di continuare temporaneamente a fare affari con le compagnie statunitensi.

I commenti ottimistici del governo USA sul commercio nel weekend hanno contribuito ad incoraggiare il mercato del greggio. Il consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow ha affermato che le recenti conversazioni tra le parti sono state “positive” e che le teleconferenze proseguiranno per una settimana o 10 giorni.

Nel frattempo, la notizia che i ribelli dello Yemen avrebbero attaccato un impianto petrolifero in Arabia Saudita nel weekend resta al centro dell’attenzione. Sebbene le notizie suggeriscano che ci vorrà almeno una settimana per riparare i danni, la compagnia nazionale Saudi Aramco ha affermato che la produzione petrolifera non ne sarà influenzata.

Per quanto riguarda i dati, l’American Petroleum Institute, un gruppo del settore, pubblicherà il report settimanale sulle scorte di greggio domani mentre la Energy Information Administration, un’agenzia del Dipartimento per l’Energia USA, rilascerà i dati il giorno dopo.

I rialzi del prezzo del greggio sono tuttavia limitati in quanto i trader restano cauti dopo che l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di petrolio (OPEC) ha abbassato le previsioni sulla crescita della domanda globale di greggio nel 2019 di 40.000 barili al giorno ad 1,10 milioni di barili al giorno ed ha indicato che il mercato sarà in lieve surplus nel 2020.

Leggi tutto

I futures dell'Oro in ribasso durante la sessione Asiatica

I futures dell'Oro sono in ribasso durante la sessione Asiatica di Martedì.

Nel divisione Comex del New York Mercantile Exchange, I futures dell'Oro per Dicembre sono scambiati a 1.505,25 dollari americani per oncia troy, valore che scende di 0,42% al momento della scrittura.

Scambiato in precedenza al prezzo più basso di dollari per oncia troy, L'Oro era previsto trovare supporto a 1.503,30 dollari e la resistenza a 1.538,60 dollari.

Future Indice del Dollaro, che traccia i risultati del dollaro americano in un paniere di altre sei maggiori valute, é sceso del 0,03% per essere scambiato a 98,188 dollari.

Altrove su Comex, L'Argento, per la consegna di Settembre, é salito di 0,45% per essere scambiato a 16,863 dollari per oncia troy mentre Il Rame, per la consegna di Settembre, é salito di 0,04% per essere scambiato a 2,600 dollari per libbra.
Leggi tutto

I futures del Greggio in rialzo durante la sessione U.S.A.

I futures del Greggio sono in rialzo durante la sessione U.S.A. di Lunedì.

Nel New York Mercantile Exchange, I futures del Greggio per Ottobre sono scambiati a 56,28 dollari americani per barile, valore che sale di 2,68% al momento della scrittura.

Scambiato in precedenza al prezzo più alto di dollari per barile, Il Greggio era previsto trovare supporto a 53,77 dollari e la resistenza a 56,85 dollari.

Future Indice del Dollaro, che traccia i risultati del dollaro americano in un paniere di altre sei maggiori valute, é salito del 0,22% per essere scambiato a 98,218 dollari.

Altrove su ICE, Il Petrolio Brent per la consegna di Ottobre, é salito di 2,08% per essere scambiato a 59,86 dollari per barile, mentre lo spread dei contratti tra Il Petrolio Brent e Il Greggio si attesta sui 3,58 dollari per barile.
Leggi tutto

L'Cardano scende sotto quota 0,049965, in calo del 0,74%

Investing.com - L'Cardano scende sotto il livello di $0,049965 in questo Lunedì. L'Cardano era scambiata a 0,049965 alle 20:47 (18:47 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 0,74% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 19 Agosto.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato dell'Cardano a $1,29973B, rappresentando il 0,46% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato dell'Cardano aveva raggiunto quota $23,91700B.

L'Cardano era scambiato all'interno di un range compreso tra $0,049515 e $0,050689 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il valore dell'Cardano era vista in calo, evidenziando una perdita del 5,87%. Il volume di scambio dell'Cardano nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $33,83253M, corrispondente al 0,07% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all'interno di un range compreso tra $0,0446 e $0,0537 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, l'Cardano è ancora inferiore del 96,30% dal suo massimo storico di $1,35 toccato il 4 Gennaio 2018.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $10.712,3 sul Investing.com Index, in crescita del 3,04% su base giornaliera.

Ethereum quotato a $199,83 sul Investing.com Index, in crescita del 2,09%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $191,83114B, corrispondente al 68,09% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta Ethereum toccava $21,58708B, corrispondente al 7,66% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi tutto

Le cinque cose da seguire sui mercati questo lunedì

Investing.com - Ecco le cinque principali notizie da seguire sui mercati finanziari questo lunedì 19 agosto:

1. Dialoghi commerciali USA-Cina “positivi”

Il Presidente Donald Trump nel fine settimana ha twittato che gli Stati Uniti stanno “andando molto bene con la Cina e stanno parlando”, sebbene abbia ribadito di non essere pronto a stringere un accordo.

Il consigliere economico di Trump, Larry Kudlow, ieri ha affermato che le recenti conversazioni telefoniche tra Washington e Pechino sono state “positive” ed ha indicato che ci saranno altre teleconferenze tra i negoziatori nella prossima settimana o nei prossimi dieci giorni.

2. Borse al rialzo, selloff dei bond mentre torna la propensione al rischio

Le borse asiatiche sono positive, trainate dai titoli cinesi dopo che la banca centrale del paese ha annunciato l’attesissima riforma dei tassi di interesse.

Anche le borse europee si uniscono all’impennata, dopo che il Ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz ieri ha affermato che la principale economia della zona euro potrebbe fornire 50 miliardi di euro (55 miliardi di dollari) di stimolo fiscale nell’eventualità di dover combattere una recessione.

I future USA puntano ad un’apertura al rialzo, mentre il rendimento dei Buoni del Tesoro USA a lungo termine sale. L’inversione della curva del rendimento si è ridotta ulteriormente, con il rendimento dei bond a 10 anni che supera quello dei bond a 2 anni.

3. Apple (NASDAQ:AAPL) parla con Trump dei dazi, attesa decisione USA su Huawei

Ieri Trump ha reso noto di aver parlato con l’amministratore delegato di Apple (NASDAQ:NASDAQ:AAPL) Tim Cook dell’impatto dei dazi USA.

I mercati attendono intanto la decisione prevista per oggi sull’eventualità che il governo consenta a Huawei Technologies di comprare forniture dalle aziende USA.

4. La Cina annuncia una nuova riforma dei tassi di interesse

La Banca Popolare Cinese ha annunciato nel fine settimana che renderà il tasso di prestito per i clienti principali, che la banca offre ai clienti privilegiati, il nuovo riferimento per i prezzi dei prestiti.

L’attesissima riforma è una mossa per contribuire ad avere costi di prestito più basso per le compagnie che hanno visto default da record quest’anno.

5. Greggio in salita dopo gli attacchi ai giacimenti sauditi

Il greggio sale dopo l’attacco di un drone ad un giacimento in Arabia Saudita, mentre i commenti positivi sulle trattative commerciali USA-Cina contribuiscono a supportare il sentimento.

L’attacco tramite drone di sabato è stato attribuito ai ribelli dello Yemen ed è avvenuto in un giacimento nella parte orientale del paese che produce circa 1 milione di barili al giorno di greggio.

Leggi anche: Jacksone Hole sarà una pacchia o una disgrazia per greggio e oro? - Barani Krishnan

Leggi tutto

Stellar scende sotto quota 0,07273, in calo del 1%

Investing.com - Il Stellar scende sotto il livello di $0,07273 in questo Lunedì. Il Stellar era scambiata a 0,07273 alle 12:46 (10:46 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 1,40% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 18 Agosto.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato del Stellar a $1,40568B, rappresentando il 0,50% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato del Stellar aveva raggiunto quota $12,12000B.

Il Stellar era scambiato all'interno di un range compreso tra $0,07011 e $0,07348 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il Stellar era vista in calo, evidenziando una perdita del 6,37%. Il volume di scambio del Stellar nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $67,20239M, corrispondente al 0,14% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all'interno di un range compreso tra $0,0666 e $0,0767 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, il Stellar è ancora inferiore del 92,09% dal suo massimo storico di $0,92 toccato il 3 Gennaio 2018.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $10.686,0 sul Investing.com Index, in crescita del 3,02% su base giornaliera.

Ethereum quotato a $199,32 sul Investing.com Index, in crescita del 5,15%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $191,46538B, corrispondente al 67,98% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta Ethereum toccava $21,54987B, corrispondente al 7,65% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi tutto

Dollaro vicino al massimo di 2 settimane, sterlina in salita

Investing.com - Il dollaro oscilla vicino al massimo di due settimane contro il paniere delle valute questo lunedì, il rendimento dei Buoni del Tesoro USA rimbalza dai minimi recenti nella speranza che le principali economie cerchino di incoraggiare la crescita in rallentamento con nuovi stimoli.

L’ indice del dollaro USA, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di altre sei principali valute, si attesta a 98,05 alle 03:01 ET (07:01 GMT), non lontano dal massimo di due settimane di 98,02 di venerdì.

Il rendimento dei Buoni del Tesoro a 10 anni USA si attesta all’1,57% dopo essersi staccato dal minimo di tre anni dell’1,47% registrato la scorsa settimana sulla scia dei timori di un rallentamento globale.

Il calo del rendimento la scorsa settimana ha causato un’inversione della curva del rendimento dei bond a 2 e a 10 anni per la prima volta dal 2007, un fenomeno considerato un segnale di recessione che rimette al centro della scena le decisioni della Federal Reserve in merito ai tassi di interesse.

“I principali eventi di questa settimana sono il simposio di Jackson Hole ed il discorso del presidente della Fed (Jerome) Powell”, afferma Junichi Ishikawa, esperto senior di strategie FX di IG Securities a Tokyo.

Powell terrà un discorso venerdì al vertice annuale dei banchieri centrali a Jackson Hole, Wyoming.

“Quello che Powell avrà da dire sarà sotto i riflettori poiché permane una discrepanza tra quanto ha detto sui tassi di interesse e quanto i mercati si aspettano che la Fed faccia”, spiega Ishikawa.

Powell ha dichiarato, dopo che la Fed ha abbassato i tassi a luglio, che l’allentamento non rappresentava l’inizio di una serie di tagli. Ma le aspettative dei mercati di un taglio dei tassi di altri 25 punti base da parte della Fed al prossimo vertice di politica monetaria di settembre sono aumentate.

L’euro è stabile a 1,1092, mentre la sterlina sale dello 0,15% a 1,2166.

Il dollaro è pressoché invariato contro lo yen a 106,37.

Lo yuan cinese è in lieve calo dopo che il Presidente USA Donald Trump ha reso noto di non essere ancora pronto a stringere un accordo commerciale con la Cina.

I trader sono inoltre cauti in attesa del debutto del nuovo tasso di prestito di riferimento cinese di domani, annunciato nel fine settimana.

Sabato la Banca Popolare Cinese ha svelato le riforme sui tassi di interesse per contribuire a costi di prestito più bassi per le compagnie e supportare la crescita in rallentamento, colpita dallo scontro commerciale con gli Stati Uniti.

--Articolo realizzato con il contributo di Reuters

Leggi tutto

Prezzo del greggio su; riflettori su scontro commerciale USA-Cina

Investing.com - Il prezzo del greggio sale negli scambi asiatici di questo lunedì, in seguito ad una settimana volatile, mentre i trader assimilano gli ultimi sviluppi sul fronte dello scontro commerciale USA-Cina.

I future del greggio USA WTI rimbalzano dell’1,0% a 55,33 dollari. I future del Brent, il riferimento internazionale, segnano un balzo dell’1,1% a 59,27 dollari.
I mercati del greggio hanno oscillato tra rialzi e ribassi la scorsa settimana, tra il rinvio dei dazi su alcuni prodotti cinesi che ha fatto schizzare i prezzi ed i timori di una recessione e di un’impennata delle scorte che hanno apportato pressioni.

Il Presidente USA Donald Trump ha ribadito nel fine settimana di non essere pronto a stringere un accordo commerciale con la Cina, lasciando intendere che vorrebbe che Pechino si occupasse prima delle proteste in corso ad Hong Kong.

“Vorrei vedere la questione di Hong Kong gestita in modo umanitario”, ha affermato Trump. “Penso che sarebbe un bene per l’accordo commerciale”.

Il presidente ha aggiunto che deciderà se prorogare o meno il permesso per consentire al colosso cinese del tech Huawei di continuare a fare affari con le compagnie USA nel corso della giornata.

Le notizie arrivano dopo alcuni segnali contrastanti sullo scontro commerciale della scorsa settimana. Il Ministero delle Finanze cinese giovedì ha reso noto che dovrà adottare delle necessarie contromisure per gli ultimi dazi USA su 300 miliardi di importazioni cinesi, ma il governo di Xi Jinping ha affermato che spera di poter andare incontro a Washington per quanto riguarda gli attriti commerciali.

Leggi tutto

L'Cardano scende sotto quota 0,049948, in calo del 6%

Investing.com - L'Cardano scende sotto il livello di $0,049948 in questo Domenica. L'Cardano era scambiata a 0,049948 alle 19:25 (17:25 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 5,74% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 11 Agosto.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato dell'Cardano a $1,29910B, rappresentando il 0,47% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato dell'Cardano aveva raggiunto quota $23,91700B.

L'Cardano era scambiato all'interno di un range compreso tra $0,046985 e $0,050441 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il valore dell'Cardano era vista in calo, evidenziando una perdita del 6,68%. Il volume di scambio dell'Cardano nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $34,65356M, corrispondente al 0,07% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all'interno di un range compreso tra $0,0446 e $0,0550 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, l'Cardano è ancora inferiore del 96,30% dal suo massimo storico di $1,35 toccato il 4 Gennaio 2018.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $10.394,9 sul Investing.com Index, in crescita del 1,00% su base giornaliera.

Ethereum quotato a $195,54 sul Investing.com Index, in crescita del 6,37%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $186,52952B, corrispondente al 67,58% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta Ethereum toccava $21,10827B, corrispondente al 7,65% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi tutto

Il Stellar scende sotto quota 0,07051, in calo del 2%

Investing.com - Il Stellar scende sotto il livello di $0,07051 in questo Domenica. Il Stellar era scambiata a 0,07051 alle 12:46 (10:46 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 2,20% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 18 Agosto.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato del Stellar a $1,36833B, rappresentando il 0,50% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato del Stellar aveva raggiunto quota $12,12000B.

Il Stellar era scambiato all'interno di un range compreso tra $0,06741 e $0,07196 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il Stellar era vista in calo, evidenziando una perdita del 8,34%. Il volume di scambio del Stellar nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $55,04677M, corrispondente al 0,13% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all'interno di un range compreso tra $0,0666 e $0,0787 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, il Stellar è ancora inferiore del 92,34% dal suo massimo storico di $0,92 toccato il 3 Gennaio 2018.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $10.355,0 sul Investing.com Index, in calo del 0,24% su base giornaliera.

Ethereum quotato a $188,94 sul Investing.com Index, in crescita del 2,26%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $185,57118B, corrispondente al 67,96% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta Ethereum toccava $20,38294B, corrispondente al 7,46% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi tutto

Il Stellar scende sotto quota 0,06901, in calo del 0,79%

Investing.com - Il Stellar scende sotto il livello di $0,06901 in questo Sabato. Il Stellar era scambiata a 0,06901 alle 12:45 (10:45 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 0,79% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 15 Agosto.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato del Stellar a $1,35818B, rappresentando il 0,50% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato del Stellar aveva raggiunto quota $12,12000B.

Il Stellar era scambiato all'interno di un range compreso tra $0,06780 e $0,07165 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il Stellar era vista in calo, evidenziando una perdita del 5,21%. Il volume di scambio del Stellar nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $61,41798M, corrispondente al 0,12% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all'interno di un range compreso tra $0,0666 e $0,0800 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, il Stellar è ancora inferiore del 92,50% dal suo massimo storico di $0,92 toccato il 3 Gennaio 2018.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $10.410,0 sul Investing.com Index, in crescita del 3,05% su base giornaliera.

Ethereum quotato a $185,10 sul Investing.com Index, in crescita del 0,65%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $186,36886B, corrispondente al 68,50% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta Ethereum toccava $19,98888B, corrispondente al 7,35% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi tutto

Wall Street positiva aspettando segnali di un taglio dei tassi

Investing.com - Wall Street prosegue in positivo sulla scia dei mercati europei. Il Dow Jones guadagna lo 0,50%, mentre il Nasdaq cresce dell’1,20% spinto dai tecnologici.

In grande spolvero i tecnologici con Tesla (NASDAQ:TSLA) che corre e guadagna oltre il 2%, seguito da Apple (NASDAQ:AAPL), Intel, Netflix (NASDAQ:NFLX), Microsoft (NASDAQ:MSFT), PayPal (NASDAQ:PYPL) a +1%. Positive anche Amazon (NASDAQ:AMZN), Facebook (NASDAQ:FB), Twitter (NYSE:TWTR), Pinterest (NYSE:PINS), Alphabet (NASDAQ:GOOGL) e Snap (NYSE:SNAP), mentre resta sotto la parità Slack (NYSE:WORK).

Se la mattinata europea era trascorsa con i principali indici in positivo grazie alle dichiarazioni di Olli Rehn, preannunciando scelte ‘dovish’ da parte della Bce nella riunione del 12 settembre, a New York si attendono segnali per un taglio dei tassi di interesse.

La prossima settimana ci sarà il meeting dei banchieri centrali a Jackson Hole, in Wyoming (USA), con l’attenzione che sarà puntata su Jerome Powell.

Dopo settimane di pressing sulla Federal Reserve da parte di Donald Trump, sono molti gli esperti che si attendono un taglio di 25 punti base dei tassi USA.

Secondo gli analisti intervistati da Bloomberg una gestione prudente del rischio sosterebbe, infatti, "un taglio a settembre di 25 punti base a fronte della prospettiva di un peggioramento derivante dalle tensioni nella politica commerciale e dalla situazione economica globale".

Nei giorni scorsi, la curva dei rendimenti si era invertita, con il tasso del titolo biennale che aveva superato quello del decennale, condizione che nove volte su dieci era stata indicatrice di una prossima recessione.

Powel parlerà il prossimo 23 agosto sul tema “Sfide della politica monetaria”, dopo che la Fed aveva tagliato i tassi dello 0,25% per la prima volta da dieci anni. Nonostante questo, Powel aveva affermato che “non sarebbe stato l’inizio di un ciclo”.

Leggi tutto

Produttori di chip e banche trainano la modesta ripresa in vista del weekend

Di Geoffrey Smith

Investing.com - I mercati azionari europei questo venerdì si avviano ad avere un lieto fine in questa settimana caratterizzata dalla volatilità, incoraggiati dall’esempio positivo di Wall Street e dei mercati asiatici e dai suggerimenti di misure di supporto fiscale in Cina che mettono una rete di sicurezza alle borse.

Alle 5 ET l’indice di riferimento Stoxx 600 rimbalza dell’1,1% a 368,94, mentre il tedesco Dax ed il francese CAC 40 vanno su dell’1,0%. Si avviano comunque tutti ad una perdita settimanale.

Il FTSE 100 sale di un più modesto 0,6%, rispecchiando un rimbalzo della sterlina sulle speranze che il parlamento riesca a fermare una Brexit senza accordo tramite un voto di sfiducia al governo di Boris Johnson, una mossa che verrebbe seguita in teoria dalla creazione di un “governo di unità nazionale”.

In testa i produttori di chip, sulla scia dei risultati trimestrali migliori del previsto pubblicati ieri sera da NVIDIA (NASDAQ:NVDA), che supportano le speranze che il calo della domanda di chip ad alta performance potrebbe finire. La tedesca Infineon Technologies (DE:IFXGn) schizza del 2,2%, mentre STMicroelectronics (A:PA:STM) sale dello 0,7% e l’olandese ASML (AS:ASML) rimbalza dell’1,5%.

Anche le banche brillano dopo una settimana torrida. Le principali banche spagnole rimbalzano tutte tra l’1% e l’1,5% e le tedesche Commerzbank (DE:CBKG) e Deutsche Bank (DE:DBKGn) segnano impennate del 3,3% e dell’1,5%, dopo aver entrambe toccato nuovi minimi storici questa settimana nei timori di tassi di interesse persistentemente bassi.

I mercati sono stati supportati dai commenti della notte resi dalla Cina circa un possibile piano per supportare le entrate delle famiglie il prossimo anno, notizia che ha spinto i titoli asiatici questa mattina.

L’aumento delle prospettive di uno stimolo fiscale in tutto il mondo significa che c’è “ancora un sostanziale potenziale per i titoli azionari”, scrive in una nota ai clienti Ulrich Stephan, esperto di strategie di Deutsche Bank (DE:DBKGn).

Si riferisce ai commenti di ieri di Olli Rehn, membro del consiglio direttivo della Banca Centrale Europea, che mettono in luce la necessità che la BCE superi le aspettative dei mercati quando lancerà l’attesissimo pacchetto di misure di allentamento monetario a settembre.

Stephan fa notare anche l’aumento delle pressioni in Germania affinché il governo abbandoni il suo principio di bilanci equilibrati.

Circolano numerose voci a proposito di pacchetti di investimento del governo per migliorare la performance ambientale della Germania o le sue infrastrutture, oltre a varie idee su come e quando abolire un’addizionale sull’imposta sul reddito risalente alla riunificazione. Tuttavia, nessuna di queste sembra vicina ad essere realizzata ed il governo viene limitato da un emendamento costituzionale che riduce il deficit di bilancio strutturale a solo lo 0,35% del prodotto interno lordo.

Leggi tutto

Il Stellar scende sotto quota 0,06814, in calo del 0,13%

Investing.com - Il Stellar scende sotto il livello di $0,06814 in questo Venerdì. Il Stellar era scambiata a 0,06814 alle 12:44 (10:44 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 0,13% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 16 Agosto.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato del Stellar a $1,34233B, rappresentando il 0,51% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato del Stellar aveva raggiunto quota $12,12000B.

Il Stellar era scambiato all'interno di un range compreso tra $0,06747 e $0,07146 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il Stellar era vista in calo, evidenziando una perdita del 8,82%. Il volume di scambio del Stellar nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $83,72892M, corrispondente al 0,13% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all'interno di un range compreso tra $0,0666 e $0,0800 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, il Stellar è ancora inferiore del 92,59% dal suo massimo storico di $0,92 toccato il 3 Gennaio 2018.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $10.082,0 sul Investing.com Index, in crescita del 0,26% su base giornaliera.

Ethereum quotato a $183,55 sul Investing.com Index, in crescita del 0,37%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $180,93343B, corrispondente al 68,09% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta Ethereum toccava $19,81427B, corrispondente al 7,46% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi tutto

“Banche tedesche peggiori delle italiane”, secondo Citigroup

Di Mauro Speranza

Investing.com - “Le banche tedesche si trovano in una condizione peggiore rispetto agli altri istituti europei”, Italia compresa. Ad affermarlo è Ronit Ghose, responsabile della ricerca bancaria di Citigroup.

Anche se le banche italiane hanno recentemente visto i prezzi delle azioni colpiti dal caos politico interno, dopo la Lega di Matteo Salvini ha fatto ‘esplodere’ l'accordo di coalizione di governo, ma parlando giovedì scorso alla CNBC "Squawk Box Europe", Ghose ha detto che da un punto di vista della redditività, gli istituti tedeschi sono in "una posizione di gran lunga peggiore" rispetto alle loro controparti italiane.

"Le banche italiane hanno fatto un po' di pulizia dei loro bilanci, come le banche spagnole. I tedeschi l'anno prossimo faranno un rendimento del 2-3% sul capitale proprio (ROE), e quest'anno sarà ancora peggiore", ha aggiunto Ghose.

La pressione del rallentamento dell’economia globale, le tensioni commerciali e l’incertezza geopolitica, indeboliscono tutto il settore, ma una combinazione di vulnerabilità strutturale e debolezza economica interna rendono le prospettive per le banche tedesche ancora più fosche.

Particolarmente colpita è Deutsche Bank (DE:DBKGn), le cui azioni viaggiano intorno ai 5,81 euro, che rappresenta il suo minimo storico.

La banca ha iniziato un programma di ristrutturazione di massa che vedrà 18.000 posti di lavoro tagliati entro il 2022 in tutto il mondo e la chiusura delle vendite di azioni e delle attività di trading, ma gli investitori hanno reagito con un certo scetticismo.

La performance azionaria della banca è in declino da diversi anni, con una serie di sfide economiche strutturali più ampie, aggravate da una serie di scandali relativi ai fallimenti nella lotta al riciclaggio di denaro sporco.

Anche l’altro gigante tedesco, Commerzbank (DE:CBKG), oggetto di un'operazione di fusione fallita con Deutsche quest'anno, ha registrato un crollo dei corsi azionari negli ultimi 18 mesi.

Ristrutturazione e taglio dei costi permeano ora le strategie delle banche europee, ma Ghose ha suggerito che i programmi più efficaci sono stati concentrati in Scandinavia e nella regione del Benelux (l'unione politico-economica tra gli stati confinanti Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo).

"Negli ultimi 10 anni hanno dimezzato le reti di filiali, tagliato l'organico e lo hanno fatto per due motivi: hanno mercati del lavoro flessibili e team di gestione intelligente. Sono lungimiranti, hanno usato bene la digitalizzazione e la ristrutturazione", spiegava l'analista.

In Francia, l'ultima stagione degli utili le banche francesi hanno mostrato i primi segnali di progresso negli sforzi di ristrutturazione nel complesso, e "il mercato ha applaudito questo nella stagione dei guadagni del secondo trimestre", ha raccontato Ghose. "I francesi hanno cominciato a parlare di riduzione dei costi, mostrandi qualche progresso così come il mercato si attendeva".

Resta, comunque, delicata la situazione per tutto il settore finanziario, con la redditività che resta un grave problema per il settore.

“I profitti del secondo trimestre del settore in calo del 7% rispetto all’anno precedente”, spiega Ghose, mentre molti analisti affermano che i bassi tassi d’interesse della Banca centrale europea rappresentano uno dei principali ostacoli nel percorso verso il profitto.

Leggi tutto

Cripto alternate; Binance riprenderà attività USA entro 2 mesi

Investing.com - I prezzi delle criptovalute sono misti negli scambi asiatici di questo venerdì. L’amministratore delegato dell’importante piazza di criptovalute Binance ha reso noto che probabilmente la compagnia riprenderà le attività negli Stati Uniti entro i prossimi due mesi.

Il Bitcoin rimbalza dell’1,2% a 9.874,8 dollari alle 1:36 ET (05:36 GMT). L’Ethereum scende dello 0,5% a 181,32 dollari, mentre il token XRP va giù dello 0,9% a 0,25665 ed il Litecoin resta invariato a 73,301 dollari.

Il Bitcoin ha superato i 10.000 dollari ieri ma i trader affermano che la regina delle criptovalute potrebbe ritrovarsi sotto ulteriore pressione se dovesse scendere sotto la media mobile su 100 giorni, un indicatore tecnico chiave, intorno al livello di 9.600 dollari.

Changpeng Zhao, amministratore delegato di Binance, in un’intervista all’agenzia di stampa online Cheddar il 15 agosto ha dichiarato che si aspetta che la compagnia torni in attività negli Stati Uniti “fra un mese o due”.

”Non voglio promettere una data precisa, ma c’è molto lavoro in corso e stanno succedendo molte cose, ma direi tra un mese o due”, ha annunciato.

Binance ha temporaneamente limitato i servizi negli Stati Uniti mentre lavora per l’apertura di una nuova divisione per operare con l’approvazione della Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN).

”Penso che gli USA siano uno dei mercati più sviluppati in quanto ritengo che abbiano buone regolamentazioni nel mondo della finanza tradizionale. Le cripto sono una cosa nuova e, per le cose nuove, gli Stati Uniti sono un paese grande e con numerosi enti regolatori ed un mercato grandissimo [...] su un mercato grande è più difficile regolamentare”, ha aggiunto Zhao.

Leggi tutto

I tweet di Trump scatenano volatilità sui mercati

Investing.com - I mercati continuano a monitorare l’account Twitter di Donald Trump, dato che i tweet del presidente degli Stati Uniti di questa settimana riguardanti la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e la Federal Reserve hanno innescato un'estrema volatilità sui mercati mondiali.

Il Presidente ‘twittatore’ ha spinto i mercati sulle montagne russe questa settimana, grazie a messaggi con meno di 280 caratteri su Twitter.

Le azioni di Wall Street hanno preso un colpo pesante lunedì, con l'S&P 500 che ha perso l'1,2%, tra le preoccupazioni per la mancanza di progressi nei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina.

I mercati azionari sono rimbalzati il martedì seguente, con l'S&P che ripreso quasi l'1,5% dopo che Trump ha annunciato che avrebbe ritardato le nuove tariffe sulle importazioni cinesi, che sarebbero dovute entrate in vigore il 1° settembre.

Kenta Inoue, economista senior presso Mitsubishi UFJ Morgan Stanley (NYSE:MS) Securities, ha sottolineato che il rinvio dei dazi da parte di Trump è arrivato proprio mentre le azioni americane segnavano uno stallo.

“Questo appare una manovra di routine da parte del presidente degli Stati Uniti, che applica la pressione commerciale sulla Cina quando le azioni stanno andando bene e opta per il compromesso quando sembrano in difficoltà" ha spiegato Inoue.

Mercoledì i mercati ‘soffrivano’ il loro giorno peggiore dell'anno, con tutti e tre i principali indici azionari degli Stati Uniti in crollo di circa il 3%, in mezzo a segnali di recessione dal mercato obbligazionario.

Il giorno seguente, i mercati hanno nuovamente rimbalzato, mentre la Cina auspicava un nuovo compromesso a metà strada con gli Stati Uniti nel tema del commercio.

L'S&P 500 ha raggiunto un livello record alla fine di luglio, ma ha perso slancio questo mese, con l'S&P in calo di oltre il 4% ad agosto.

Scopri le altre vignette comiche di Investing.com al seguente link:

https://it.investing.com/analysis/comics

Leggi tutto

Dollaro su contro franco e yen, migliora il sentimento

Investing.com - La propensione al rischio torna sui mercati del Forex negli scambi europei di questo venerdì mattina, con il franco svizzero e lo yen in calo contro il dollaro ed il dollaro in discesa contro la sterlina, mentre una settimana ricca di notizie turbolente si avvia ad una chiusura relativamente tranquilla.

Alle 3:30 ET (07:30 GMT), l’indice del dollaro, che replica l’andamento del biglietto verde contro un paniere di valute dei mercati sviluppati, si attesta a 98,078, su dello 0,1% rispetto alla chiusura di ieri negli Stati Uniti ed avviandosi a segnare un rialzo di circa lo 0,7% sulla settimana.

Gli analisti di Nordea evidenziano in una nota del mattino che la storia suggerisce che l’indice del dollaro tenderà al rialzo nell’attuale clima di timori per una recessione globale. Esempi passati di inversione della curva del rendimento USA in media hanno portato ad un rimbalzo del 3% dell’indice del dollaro nei tre mesi successivi, scrivono, per via, non da ultimo, di rialzi contro l’aussie ed il “kiwi”. Fanno notare che anche il cambio EUR/GBP tende a rafforzarsi in periodi simili.

Il dollaro segna inoltre un lieve rialzo contro lo yuan cinese, che sembra aver reagito appena ai commenti di ieri del Presidente USA Donald Trump che si aspetta una telefonata con il suo corrispettivo, Xi Jinping, “molto presto”, per appianare alcune delle divergenze sul commercio.

L’euro, nel frattempo, rimane sotto pressione dopo una settimana di dati economici in generale deboli, seguiti ieri dai commenti di Olli Rehn, membro del consiglio direttivo della Banca Centrale Europea, che chiede un pacchetto “incisivo e sostanziale” di misure di allentamento per il prossimo vertice di politica monetaria della BCE a settembre. L’euro si attesta a 1,1092 dollari ed a 0,9152 contro la sterlina, avviandosi ad un crollo settimanale rispettivamente dell’1% e dell’1,7%.

Sui mercati emergenti, la lira turca continua a rafforzarsi, così come il peso messicano, sulla scia della decisione della banca centrale di tagliare il tasso di interesse di riferimento di 25 punti base ieri, nell’ultima di una crescente serie di misure di allentamento adottate dalle banche centrali mondiali.

Leggi tutto

I futures del Gas Naturale in ribasso durante la sessione Europea

I futures del Gas Naturale sono in ribasso durante la sessione Europea di Venerdì.

Nel New York Mercantile Exchange, I futures del Gas Naturale per Settembre sono scambiati a 2,200 dollari americani per un milione di British thermal units, valore che scende di 1,43% al momento della scrittura.

Scambiato in precedenza al prezzo più basso di dollari per un milione di British thermal units, Il Gas Naturale era previsto trovare supporto a 2,086 dollari e la resistenza a 2,267 dollari.

Future Indice del Dollaro, che traccia i risultati del dollaro americano in un paniere di altre sei maggiori valute, é salito del 0,12% per essere scambiato a 98,125 dollari.

Altrove su Nymex, Il Greggio, per la consegna di Settembre, é salito di 1,40% per essere scambiato a 55,23 dollari per barile mentre Il Gasolio, per la consegna di Settembre, é salito di 0,79% per essere scambiato a 1,8250 dollari per gallone.
Leggi tutto

United Internet AG, ricavi trimestrali mancano previsioni

Investing.com - United Internet AG ha rilasciato gli utili del secondo trimestre che hanno mancato le previsioni degli analisti in questo Giovedì, con i ricavi che appena sotto le previsioni degli esperti.

Il gruppo ha rilasciato anche gli utili per azione, che hanno toccato €0,46 con i ricavi che sono arrivati a €1,29B. Gli analisti interrogati da Investing.com si attendevano un utile per azione di €0,55 e un ricavo di €1,32B. Il confronto viene fatto con gli EPS del trimestre precedente, arrivati a €0,50 con ricavi di €1,28B dello stesso periodo precedente 0,46 . Gli utili per azione riportati dall'azienda erano di €0,46 e i ricavi di €1,29B nel trimestre precedente.

Nel corso di quest'anno, le azioni United Internet AG sono in calo del 34%, sottoperformando il STOXX 600, il quale prosegue in crescita del 8% fino al momento della scrittura.

United Internet AG resta in linea con le aziende principali del settore Terziario nel corso di questo mese

Il 8 Agosto, Deutsche Tel. ha rilasciato gli utili per azione del secondo trimestre, che sono risultati essere di €0,28, e i ricavi comunicati sono di €19,66B, con le previsioni che si aspettavano EPS per €0,26 mentre i ricavi sono risultati di €19,5B.

Gli utili di Deutsche Post rilasciati il 6 Agosto, hanno battuto le aspettative degli analisti, con gli EPS del secondo trimestre arrivati a €0,36, e i ricavi arrivati a €15,48B. Gli analisti interrogati da Investing.com si aspettavano che gli utili per azione arrivassero a €0,33, mentre i ricavi sono risultati essere di €15,66B.

Segui quali aziende sono attese dai dati trimestrali nel calendario economico degli utili di Investing.com.

Leggi tutto

I futures del Greggio in rialzo durante la sessione Asiatica

I futures del Greggio sono in rialzo durante la sessione Asiatica di Venerdì.

Nel New York Mercantile Exchange, I futures del Greggio per Settembre sono scambiati a 55,05 dollari americani per barile, valore che sale di 1,06% al momento della scrittura.

Scambiato in precedenza al prezzo più alto di dollari per barile, Il Greggio era previsto trovare supporto a 53,54 dollari e la resistenza a 57,47 dollari.

Future Indice del Dollaro, che traccia i risultati del dollaro americano in un paniere di altre sei maggiori valute, é salito del 0,08% per essere scambiato a 98,083 dollari.

Altrove su ICE, Il Petrolio Brent per la consegna di Ottobre, é salito di 0,79% per essere scambiato a 58,69 dollari per barile, mentre lo spread dei contratti tra Il Petrolio Brent e Il Greggio si attesta sui 3,64 dollari per barile.
Leggi tutto

I futures del Gas Naturale in rialzo durante la sessione U.S.A.

I futures del Gas Naturale sono in rialzo durante la sessione U.S.A. di Giovedì.

Nel New York Mercantile Exchange, I futures del Gas Naturale per Settembre sono scambiati a 2,228 dollari americani per un milione di British thermal units, valore che sale di 3,97% al momento della scrittura.

Scambiato in precedenza al prezzo più alto di dollari per un milione di British thermal units, Il Gas Naturale era previsto trovare supporto a 2,064 dollari e la resistenza a 2,266 dollari.

Future Indice del Dollaro, che traccia i risultati del dollaro americano in un paniere di altre sei maggiori valute, é salito del 0,18% per essere scambiato a 98,005 dollari.

Altrove su Nymex, Il Greggio, per la consegna di Settembre, é sceso di 1,32% per essere scambiato a 54,50 dollari per barile mentre Il Gasolio, per la consegna di Settembre, é sceso di 1,85% per essere scambiato a 1,8095 dollari per gallone.
Leggi tutto

L'Cardano scende sotto quota 0,047594, in calo del 4%

Investing.com - L'Cardano scende sotto il livello di $0,047594 in questo Giovedì. L'Cardano era scambiata a 0,047594 alle 18:55 (16:55 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 3,92% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 14 Agosto.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato dell'Cardano a $1,23381B, rappresentando il 0,46% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato dell'Cardano aveva raggiunto quota $23,91700B.

L'Cardano era scambiato all'interno di un range compreso tra $0,045574 e $0,048167 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il valore dell'Cardano era vista in calo, evidenziando una perdita del 8,28%. Il volume di scambio dell'Cardano nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $57,56680M, corrispondente al 0,08% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all'interno di un range compreso tra $0,0456 e $0,0559 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, l'Cardano è ancora inferiore del 96,47% dal suo massimo storico di $1,35 toccato il 4 Gennaio 2018.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $10.041,9 sul Investing.com Index, in calo del 3,20% su base giornaliera.

Ethereum quotato a $184,06 sul Investing.com Index, in perdita del 6,40%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $180,23489B, corrispondente al 67,92% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta Ethereum toccava $19,88893B, corrispondente al 7,50% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi tutto

L'EOS scende del 11%

Investing.com - L'EOS era scambiato a $3,6036 alle 18:26 (16:26 GMT) sul Investing.com Index in questo Giovedì, in calo del 11,41% giornaliero. Si tratta della più grande crescita percentuale in un solo giorno dal 16 Luglio.

Il calo trascina la capitalizzazione di mercato dell'EOS a $3,3550B, e alla quota del 1,27% del totale della capitalizzazione delle criptovalute. Ai suoi massimi, il mercato dell'EOS aveva toccato il picco di $17,5290B.

Nelle precedenti 24 ore, l'EOS era scambiato in un range compreso tra $3,3464 e $3,7184.

Negli ultimi sette giorni, l'EOS aveva visto una in calo del suo valore con una perdita del 12,85%. Il volume dell'EOS scambiato nelle ultime 24 ore, al momento della scrittura, arriva a $2,5670B, rappresentando il 3,30% del totale del volume di tutte le criptovalute. Era stato scambiato all'interno di un range tra $3,3464 e $4,2447 negli ultimi 7 giorni.

Al suo prezzo attuale, l'EOS è ancora inferiore del 84,32% dal suo massimo storico di $22,98 toccato il 29 Aprile 2018.

Intanto nel mercato delle criptovalute

Bitcoin quotato a $10.034,0 nel Investing.com Index, in calo del 4,76%.

Ethereum scambiato a $184,95 nel Investing.com Index, in perdita del 11,06%.

La capitalizzazione del mercato della cripto Bitcoin era di $180,1379B, rappresentando il 67,97% del totale di tutte le criptovalute, mentre quella relativa al mercato Ethereum ha raggiunto quota $19,9644B e il 7,53% del totale.

Leggi tutto

Leoni AG, ricavi trimestrali mancano previsioni

Investing.com - Leoni AG ha rilasciato gli utili del secondo trimestre che hanno mancato le previsioni degli analisti in questo Mercoledì, con i ricavi che appena sotto le previsioni degli esperti.

Il gruppo ha rilasciato anche gli utili per azione, che hanno toccato €-1,35 con i ricavi che sono arrivati a €1,25B. Gli analisti interrogati da Investing.com si attendevano un utile per azione di €-0,66 e un ricavo di €1,26B. Il confronto viene fatto con gli EPS del trimestre precedente, arrivati a €1,29 con ricavi di €1,33B dello stesso periodo precedente -1,35 . Gli utili per azione riportati dall'azienda erano di €-4,03 e i ricavi di €1,26B nel trimestre precedente.

Leoni AG resta in linea con le aziende principali del settore Tecnologia nel corso di questo mese

Il 18 Luglio, SAP ha rilasciato gli utili per azione del secondo trimestre, che sono risultati essere di €1,09, e i ricavi comunicati sono di €6,66B, con le previsioni che si aspettavano EPS per €1,11 mentre i ricavi sono risultati di €6,71B.

Gli utili di Infineon rilasciati il 1 Agosto, hanno battuto le aspettative degli analisti, con gli EPS del terzo trimestre arrivati a €0,23, e i ricavi arrivati a €2,02B. Gli analisti interrogati da Investing.com si aspettavano che gli utili per azione arrivassero a €0,22, mentre i ricavi sono risultati essere di €2B.

Segui quali aziende sono attese dai dati trimestrali nel calendario economico degli utili di Investing.com.

Leggi tutto
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
  8. 8
  9. 9
  10. 10
3DS VISA VISA ELECTRON MasterCard MasterCardSecureCode Maestro Skrill Neteller Eco Payz Yuupay